FIFA 18: I MIGLIORI GIOVANI AFRICANI

L’Africa sta colmando il divario tra Europa e Sud America in termini di qualità, quindi le giovani star africane dovranno confermare la  cresrita e le carriere.

diawarafxh.jpg

 

Con lo standard del calcio africano che migliora di anno in anno, i grandi club stanno ora iniziando a guardare i talenti provenienti dal continente. Mohamed Salah, Didier Drogba e Samuel Eto’o hanno dimostrato che gli africani possono competere con i migliori del mondo, il che significa che se stai cercando di comprare giovani talenti in FIFA 18, devi consultare questo articolo per vedere cosa offre l’Africa.

Cos’è un miracolo?

Stiamo guardando le migliori meraviglie africane . Tutti questi giocatori hanno 23 anni o meno e hanno il potenziale per raggiungere almeno 83 nel gioco. I giocatori possono superare i loro potenziali in modalità Carriera, ma solo se si trovano in una ricca vena di forma per un lungo periodo di tempo. Solo perché questi giocatori sono giovani non significa che arriveranno a buon mercato, visto che pagherai per le loro eccezionali potenzialità. Abbiamo compilato la nostra top 10 guardando l’età, il potenziale e le statistiche del giocatore.

Keita Balde Diao (OVR 82 – POT 90)

Parte della revisione della squadra di Monaco in estate, Keita Balde Diao è ora in grado di dare il via alla sua carriera. L’ala sinistra o l’attaccante hanno effettuato 26 milioni di sterline dalla Lazio dopo aver segnato 16 gol in Italia nella scorsa stagione. Si è preso un po ‘di tempo per adattarsi alla vita in Ligue 1, con tre gol e tre assist in 17 partite fino ad ora, ma si aspetta che questo migliori come i nuovi gel laterali.

Il 22enne senegalese internazionale ti costerà 60,1 milioni di sterline, ma ciò ti porterà al suo 82 complessivo e al 90 potenziale. 93 accelerazione, 92 sprint speed e 89 ball control sono le migliori caratteristiche di Diao, e avrai bisogno di salari di almeno £ 40.000 a settimana per impossessarti di lui. Dovrai aspettare comunque fino a gennaio, visto che ha appena effettuato il passaggio ai campioni di Francia.

Eric Bailly (OVR 84 – POT 89)

Il Manchester United ha provato molti accoppiamenti centrali negli ultimi due anni, ma da quando Eric Bailly è entrato nel club nel 2016, è diventato il loro centro di prima scelta. L’internazionale ivoriano ha un ottimo passo, forza e posizione, rendendolo uno dei migliori difensori della Premier League. Vedremo ora se ha i minerali per diventare uno dei migliori al mondo.

Il 23enne ha un punteggio complessivo di 84 su FIFA 18, che può raggiungere un superbo potenziale di 89. Avrai bisogno di £ 60,1 milioni per ottenere Bailly comunque, con i suoi stipendi a £ 132.000 a settimana. 87 aggressività, 85 rimorchi in piedi e 85 scivoli rendono lo United rock un uomo difficile da battere.

Naby Keita (OVR 83 – POT 88)

Il centrocampista centrale, difensivo o attaccante Naby Keita potrebbe essere sulla strada per il Liverpool alla fine della stagione, ma è comunque possibile firmare l’RB Leipzig man sulla FIFA 18. L’internazionale della Guinea è stato il cuore della squadra che ha sfidato la Bundesliga in la loro prima stagione nella divisione, e con il suo dinamismo, sembra essere perfetto per la Premier League.

Il ventiduenne offre 90 agilità, 90 punti di equilibrio e 88 passaggi brevi al gioco, dandogli un totale di 83 con il potenziale di raggiungere 88. Keita ti costerà £ 53,1 milioni e paga £ 60.000 a settimana.

Amadou Diawara (OVR 77 – POT 87)

Il compagno Keita nel centrocampo della Guinea è Amadou Diawara. Il centrocampista difensivo o centrale è emerso come regular per il Napoli la scorsa stagione, una prodezza fantastica considerando che ha solo 19 anni. Ti senti Diawara è pronto per una fantastica carriera, e potrebbe essere un ottimo inizio se il Napoli può vincere una prima Serie A titolo dal 1990.

Avrai bisogno solo di 20,1 milioni di centrocampisti talentuosi, con un salario di soli 26.000 sterline a settimana. 84 resistenza, 82 passaggi brevi e 82 aggressioni gli danno un totale di 77, che può salire a 87 potenziali.

Franck Kessie (OVR 77 – POT 87)

Finora è stata una strana carriera per il centrocampista centrale o difensivo Franck Kessie. Dopo appena dieci partite in Ligue 1 per Stella Club, ha fatto il passaggio in serie A, l’Atalanta, ma è stato ceduto in prestito in seconda divisione al Cesena. Dopo una stagione al club dei genitori, è stato ceduto in prestito all’AC Milan, quello che sembra essere un affare “prova prima di comprare”. Il nazionale ivoriano si è lanciato direttamente sul Milan, giocando già 24 volte in questa stagione.

A soli 20 anni, Kessie offre 88 resistenza, 84 punti di forza e 80 aggressività, ottenendo un punteggio complessivo di 77. Con un potenziale di 87, avrai almeno 20 milioni di sterline per prenderlo, con un salario di 21.000 sterline a settimana. Con lui attualmente in prestito di due anni, dovrai aspettare fino all’estate del 2019 per firmarlo.

Amath Ndiaye Diedhiou (OVR 74 – POT 87)

Un giocatore che potresti non aver sentito parlare del suo Getafe in avanti, Amath Ndiaye Diedhiou. L’attaccante o il centrocampista sinistro e attaccante si è unito al club dell’Atletico Madrid, ma ha trascorso la scorsa stagione in prestito nella divisione Segunda di Tenerife. Il ventenne ha pareggiato 12 gol in quanto i canarini hanno mancato la promozione alla Liga, ma è diventato un abituale nella massima serie con il suo nuovo club, giocando 17 partite in questa stagione.

La speedster Ndiaye Diedhiou ti costerà 27,3 milioni di sterline e un salario di 17.000 sterline a settimana, ma dovrai tenere il fuoco fino a gennaio. Quel prezzo ti porterà al suo 74 complessivo e 87 potenziale, con le sue migliori caratteristiche 90 accelerazione, 90 sprint speed e 87 agility.

Onyinye Ndidi (OVR 78 – POT 86)

Leicester City ha lottato da quando ha perso N’Golo Kante (OVR 88) al Chelsea due stagioni fa, ma nella forma di Onyinye ‘Wilfred’ Ndidi sembrano aver trovato qualcuno che riempia il vuoto. Il centrocampista difensivo o centrale offre un po ‘più di avanti rispetto a Kante, segnando qualche gol decisivo la scorsa stagione e assistendo tre volte quest’anno.

Il ventenne Ndidi ha 88 stamina, 84 standing tackle e 81 saltati su FIFA 18, con un alto tasso di lavoro difensivo. Queste statistiche aiutano a raggiungere i suoi 78 totali, che possono salire a un potenziale di 86. La clausola di liberazione del nigeriano si aggira sui 24,9 milioni di sterline, con un salario di 42.000 sterline a settimana.

Henry Onyekuru (OVR 76 – POT 86)

I fan di Everton non vedono l’ora che Henry Onyekuru si allinei con la loro squadra la prossima stagione, con il ventenne che illumina la Pro League belga nelle ultime due campagne. Il Nigeriano è attualmente in prestito all’Anderlecht, dove ha nove gol in questa stagione, e il suo ritmo è forse quello che manca all’Everton quest’anno.

91 agilità, 90 accelerazione e 88 sprint speed aiutano il 76 complessivo di Onyekuru, con un potenziale eccezionale di 86. Stai cercando un prezzo di circa 20 milioni di sterline quando tornerà dal prestito la prossima stagione, con un salario di 67.000 sterline a settimana.

Kelechi Iheanacho (OVR 75 – POT 86)

Un altro nigeriano, Kelechi Iheanacho ha lottato da quando ha cambiato Manchester City per Leicester. L’attaccante ha avuto un ottimo tasso di conversione a Man City, ma con una spesa di trasferimento di 25 milioni di sterline per essere all’altezza, ha appena segnato solo una volta per le volpi. All’età di 20 anni ha ancora tempo, e forse solo un paio di goal gli faranno tornare la sua fiducia.

I 75 totali e 86 potenziali di Iheanacho ti costeranno £ 21,3 milioni con stipendi di £ 44,000 a settimana, ma dovrai aspettare fino a gennaio 2018. Con le caratteristiche di 84 accelerazione, 84 sprint e 79 posizioni, l’uomo Super Eagles è una grande opzione se vuoi un attaccante per entrare.

Krepin Diatta (OVR 67 – POT 86)

Finiamo in Norvegia con il Senegal U20 internazionale Krepin Diatta. Il centravanti (secondo attaccante), l’attaccante o il centrocampista sinistro hanno collezionato ben otto assist e otto reti in Norvegia in questa stagione, un ritorno fantastico considerando che è entrato a far parte del Sarpsborg di Eliteserien all’inizio del 2017.

Il passo avanti ha una valutazione complessiva di 67, con la possibilità di salire a un potenziale di 86. 90 accelerazione, 90 sprint accelerati e 86 agilità lo rendono una seria minaccia in avanti, che ti costerà £ 2,6 milioni e salari di £ 2.000 una settimana.

di Alastair Pusinelli

https://realsport101.com/news/sports/esports/fifa/fifa-18-wonderkids-all-the-best-african-players-to-sign-in-career-mode/

Annunci

NAPOLI STA’ SBIADENDO ?

PA-33978398ETHH“Dobbiamo preoccuparci solo quando non creiamo opportunità, ma ora le stiamo creando. Ero preoccupato per la prestazione di mercoledì contro il Feyenoord , ma non per questo “, ha detto l’allenatore del Napoli Maurizio Sarri dopo il pareggio per 0-0 in casa contro la Fiorentina domenica. “Le migliori opportunità sonocapitate ai piedi di Piotr Zielinski, che non è il tipo di giocatore che segna spesso. È il tipo di gioco in cui, se vinci 1-0, tutti dicono che il Napoli si è ritrovato di nuovo “.

Forse, se presi isolatamente, i suoi commenti erano abbastanza giusti, ma a un esame più attento, hanno schierato un tentativo di distogliere l’attenzione da un problema reale nel campo del Napoli. L’inizio della stagione ha visto i Partenopei iniziare in maniera accecante, apparendo quasi inarrestabile con 12 vittorie e due pareggi dalle 14 partite iniziali.

Per tutto il mese di settembre hanno sventato il Bologna per 3-0, il Benevento 6-0 e si sono assicurati un’impressionante vittoria per 4-1 su una Lazio in forma, portando molti a paragonare il loro inizio a quello della Premier League  del Manchester City . Ma affrontando la squadra di Pep Guardiola nelle fasi a gironi della Champions League e – sebbene gli italiani abbiano perso entrambe le loro partite contro di loro – il boss catalano è rimasto abbastanza impressionato dalla loro prestazione per etichettarli come “la migliore squadra che abbia mai affrontato”.

Tutto andava bene quando Sarri giocava la sua solita formazione 4-3-3 con il suo preferito XI titolare. Tuttavia, dopo essere scappati fuori dai blocchi e prima degli avversari, ora si trovano senza fiato. L’uscita della Champions League ha seguito la sconfitta contro la Juventus, la sconfitta per 2-1 contro il Feyenoord che ha preceduto la partita di domenica con i viola.

La sua squadra è seconda solo alla Roma in termini di numero di tiri lanciati in porta con una media di 18,5 a partita, ma contro la Fiorentina sono riusciti solo a 10, e solo quattro di questi erano in porta. Questa è stata la prima volta che i Partenopei non rendono  in tante partite  consecutive in campionato con Sarri, l’ultima volta nel 2014 con Rafael Benitez.

Quindi qual è il problema ? Tutto  a inizio in novembre con l’infortunio al terzino sinistro Faouzi Ghoulam contro il Manchester City. L’algerino è stato una parte chiave del successo iniziale della squadra, aggiungendo due goal e tre assist alle sue prestazioni difensive. La sua rottura ACL significa che Sarri ha invece dovuto chiamare Mario Rui, un giocatore non dello  stesso livello in termini di qualità come Ghoulam.

Eppure in altre aree, Sarri ha giocatori di back-up di qualità. Giocatori del calibro di Nikola Maksimovic, Emanuele Giaccherini e Amadou Diawara non hanno avuto abbastanza tempo per giocare contro le squadre minori della Serie A. Il Ct ha invece insistito per schierare la sua prima squadra in campo contro giocatori del calibro di Benevento, in quella partita in particolare un  vero spreco di risorse. La loro vittoria per 6-0 ha entusiasmato gli spettatori, ma hanno davvero bisogno di sparare 27 tiri in porta e mantenere il possesso del 71,8% quando una vittoria per 2-0  sarebbe stata sufficiente?

Questo uso eccessivo dei suoi giocatori ha inevitabilmente causato infortuni a persone come Insigne – che aveva giocato in 60 partite consecutive prima di perdere la partita con il Feyenoord la scorsa settimana – e gli altri sembravano stanchi con la Fiorentina. I Partenopei hanno otto giocatori che hanno iniziato almeno 13 partite su 16 in campionato, mentre solo Gonzalo Higuain e Mario Mandzukic hanno le stesse presenze per partita per la Juventus.

Non è una sorpresa che la Vecchia Signora sia ben preparata nell’arte della rotazione della squadra dopo aver vinto sei titoli di Serie A di fila, e la sconfitta nelle ultime tre stagioni ha messo in evidenza la mentalità più debole del Napoli. Mentre la Juve è rimbalza bene sulle delusioni, Maurizio Sarri ha faticato a galvanizzare la sua squadra dopo la sconfitta dai rivali. Il campionato 2015/16 è stata un perfetto esempio di ciò quando le due squadre si sono incontrate a Torino all’inizio di febbraio.

Fino a questo punto, i bianconeri non erano mai stati al primo posto in tutta il campionato, ma un 88 ° minuto sul Napoli li ha visti superare e passare al primo posto. Verso la fine del mese la squadra di Sarri era fuori dalla Champions League e aveva sofferto deludenti pareggi a Milano e colla Fiorentina, e non avrebbero mai riguadagnato l’ambito traguardo.

Può sembrare prematuro dirlo, ma le speranze per il titolo del Napoli potrebbero già svanire rapidamente dopo un inizio così bello. L’Allenatore ora affronta una battaglia per riportare Insigne alla forma fisica e trovare un modo per riportare Dries Mertens in posizione nella classifica dei capocannonieri, il belga dal 29 settembre non segna e non fa’ assist. Anche se Sarri ha indubbiamente ha imparato l’arte del bel calcio, ha ancora una lunga strada da percorrere in termini di rotazione  dei giocatori della squadra, grinta e risultati importanti se vuole alzare lo Scudetto entro la fine di maggio.

By Chloe Beresford   

https://www.thesportsman.com/articles/napolis-serie-a-title-challenge-is-fading-fast

PRIMI IN EUROPA

Esultanza-Napoli-3476STU

Ghoulam e Jorginho  sono nella formazione tipo che CIES  ha stilano in base alla sue analisi statistiche ,risultano primi nei loro rispettivi ruoli.

 

Ogni semestre, il CIES Football Observatory elenca i giocatori che si sono esibiti al meglio nelle partite di big-5 league usando un approccio statistico esclusivo . Il numero 207 del Weekly Post presenta le prime 10 tabelle per otto posizioni. Solo i calciatori che hanno giocato almeno 720 minuti della campionato nazionale sono inclusi nelle classifiche.

I giocatori dei quattro campionati che comandano la classifica: Jan Oblak della Liga (portieri) e Lionel Messi (alati); Nicolás Otamendi (centravanti) della Premier League e Sergio Agüero (attaccanti centrali); Marco Verratti della Ligue 1 (centrocampisti box-to-box) e Nabil Fekir (secondi attaccanti); così come Faouzi Ghoulam ( terzini ) e Jorginho Frello (centrocampisti difensivi).

Oltre alle stelle del calcio, nelle prime 10 tabelle figurano anche calciatori relativamente sconosciuti come Nick Pope (Burnley), Alisson Becker (Roma), Michael Gregoritsch (Hoffenheim), Luis Alberto(Lazio) o Rodrigo Moreno (Valencia). Il club più presente è il Manchester City (12 giocatori), davanti a Paris St-Germain (8 giocatori )

 capture-20171211-200935capture-20171211-201151capture-20171211-201512capture-20171211-202841capture-20171211-203113capture-20171211-203240capture-20171211-203354capture-20171211-202410

http://www.football-observatory.com