LA JUVE NON PUO’ SPECCHIARSI NEL ” BEL GIOCO ” DEL NAPOLI

                                BRASILEPlayers pay tribute to former SSC Napoli's President Roberto

Penso che uno dei maggiori problemi del calcio sia credere ciecamente che ci siano alcune tattiche miracolose, vincenti in assoluto. Pep Guardiola ed i suoi team sono esempio di tale affermazione dato che conquistano sia i tifosi che professionisti del settore – ancora di più se prendiamo ad esempio il suo  decennio alla guida del Barcelona con il  9 falso . La Juventus non puo’ copiare la tattica del Napoli sarebbe un errore anche se quel modo di giocare  sembra deliziare sia il nord che il sud .

Usare i numeri per parlare di tattica, è riduttivo. Dire che la squadra ha giocato un 4-4-2 non mostra tutte le proposte e le specificità di un  posizionamento. Il 4-4-2 del West Bromwich in una mattina di novembre potrebbe essere diverso dallo stesso posizionamento della stessa squadra in un soleggiato pomeriggio di febbraio. Parliamo con i numeri perché è più semplice e più conveniente presentare un’idea di base.

Non molto tempo fa,   il Brasile è stato battoto da un 4-2-3-1  dopo che Tite ( l’allenatore )  ha fatto giocare bene i Corinthians in questo modo. In Italia, le squadre hanno iniziato a copiare la formazione con tre difensori di Antonio Conte riprogrammandosi  per giocare come giocare faceva  la Juventus – infatti, il campionato inglese è iniziatoquest’anno con più della metà delle squadre del campionato che giocano con varianti di questo schema dopo che il Chelsea s’ è incoronato campione.

Qualunque schema puoi usare, le tattiche sono temporali e specifiche. È l’ insieme di giocatori durante un periodo ed in quella circostanza, si adatta e cerca di dare il meglio. A livello nazionale, è quello che è successo al bianconeri nel 2015-16, forse la stagione migliore di Massimiliano Allegri in Juve. Il Napoli è cresciuto con una proposta pensata per quell’universo: gli atleti sono sicuri di come Maurizio Sarri vede il calcio e, più precisamente, come deve essere giocato in quell’ambito.

Preferirei non usare agli aggettivi bello  e brutto. Anche il  termine ” calcio povero ” è troppo semplicistico, perché spesso viene usato in senso peggiorativo per le squadre che agiscono difensivamente. “Efficace” è  meglio, ha relazione con il risultato. Il calcio è cinico e quindi non c’è spazio per il romanticismo e le tensioni, tecnico , estetica contro fisico .

Daniel Alves ha spiegato perché ha lasciato la Juventus, ha dichiarato che il calcio italiano ha bisogno di tornare al passato, riferendosi  alla leadership che le squadre italiane avevano  in Europa . Per lui, tutti hanno bisogno di prendere il Napoli come esempio.

Attualmente, la Juventus ha il terzo miglior attacco del continente (40 gol, dietro a Paris Saint-Germain e Manchester City). Sono cinque in più rispetto al leader del campionato, nonostante tiri in meno e, di conseguenza, creano meno occasioni per partita. Quindi la Vecchia Signora può giocare ancora più offensivo? Con i giocatori che ha, sì. Può essere offensivo come partenopei ? Con i giocatori che ha, no.

 

Le tattiche del Napoli sono buone per il Napoli; l’idea del Napoli può essere buona anche  per altri , tuttavia, è tutt’altro che certo – indipendentemente dal risultato tra questi grandi rivali questo venerdì (1 °). Abbandonatevi al divertimento ed al  fatto che il calcio abbia diverse modi d’interpretazionee non c’è un solo modo d’ interpretarlo .

http://espnfc.espn.uol.com.br/juventus/gazzebra/17218-juventus-nao-pode-se-espelhar-no-futebol-bonito-do-napoli

Annunci

NAPOLI PRIMA IN EUROPA LA SUA FORZA E’ LA STABILITA’ ?

5a0da9982ee40fa5d9000001wuy

Stabilità intesa come l’ utilizzo dei titolari durante le partite  dei club:                                  da Napoli a Hapoel Acre

La relazione settimanale dell’Osservatorio calcistico CIES presenta i 50 club delle 31 migliori divisioni europee analizza l’utilizzo dei giocatori durante le partite durante l’anno in corso per la più bassa e più alta percentuale di minuti nelle partite del campionato nazionale giocate dal 1 ° luglio. In cima alle classifiche ci sono SSC Napoli             ( per la più bassa) e Hapoel Acre( per la più alta )

Da parte israeliana, i calciatori reclutati dopo il 1 ° gennaio 2017 hanno giocato il 95,1% dei minuti totali della lega nazionale nella stagione in corso. La percentuale più alta a livello 5 è stata registrata per un’altra squadra promossa: Benevento. La mancanza di coesione e continuità spiega certamente gli scarsi risultati ottenuti finora. Lo stesso vale per la maggior parte delle squadre in cui sono stati schierati nuovi acquisti per la più alta percentuale di minuti.

All’estremo opposto , i club in cui i nuovi calciatori hanno avuto la percentuale più bassa di tempo durante le partite  tendenzialmente nell loro campionato sono meglio posizionate come classifica della rispettiva lega. Tra le squadre nella top 10 di questa classifica , le uniche eccezioni  sono Athletic Club e Sassuolo relegate molto dietro nelle rispettive classifiche nazionali. Per approfondire i dati completi sulla permanenza media dei giocatori in prima squadra è disponibile nell’atlante digitale CIES Football Observatory .

 http://www.football-observatory.com/

capture-20171128-125121ygtcapture-20171128-125508yecapture-20171128-125733egyw

SONO I MIGLIORI D’ EUROPA ?

03f62-1511698864-800GE        Lorenzo Insigne, Dries Mertens e José Callejon sono i migliori tre attaccanti in Europa? Un’ode a Lorenzo Insigne, Dries Mertens e Josè Callejon?
Prima c’erano MSN, [Lionel] Messi, [Luis] Suarez e Neymar Jr di Barcellona, ​​poi la BBC ha portato i riflettori su [Gareth] Bale, [Karim] Benzema e Cristiano [Ronaldo] del Real Madrid, ma, ora, un nuovo il trio ha formato e preso d’assalto il mondo calcistica.

Quel triumvirato di giocatori include Lorenzo Insigne, Dries Mertens e Jose Callejon della squadra italiana Napoli.

Dalla scorsa stagione, e in particolare quest’anno, la linea d’ attacco del Napoli ha ricevuto un’enorme attenzione, soprattutto perché sta causando ondate in tutta Europa per il loro illustre ed espansivo stile di gioco .

Gol a bizzeffe
La scorsa stagione, Insigne, Mertens e Callejon hanno totalizzato 71 gol combinati dei 115 gol del Napoli in tutte le competizioni. Ci si aspetta che gli attaccanti segnino dei gol , ma la velocità con cui questi tre se la sono cavata, non c’è da meravigliarsi se hanno ricevuto una grande quantità di attenzione da parte dei media ed affetto da parte dei tifosi.

Il trio è assolutamente fondamentale per il successo e la capacità del Napoli di concorrere per lo scudetto in questa stagione. Il regno della Juventus sta iniziando a scivolare, con il club napoletano è testa e già stato incoronato come soppresa in Champions. Se il Napoli dovesse vincere la Serie A in questa stagione, sarà la prima volta in 28 anni che il club avrà vinto la prestigiosa competizione – l’ultima volta c’ era stata la conquista finale con Diego Maradona.

Se questo è il caso, tutti e tre i giocatori saranno scritti nei libri di storia del Napoli, come giocatori decisivi nel permettere al Napoli di vincere il loro primo titolo del secolo. Sarà un traguardo monumentale .

C’ è stato molto interesse ed attenzione su tutti e tre i giocatori da club “più grandi” d’Europa, ma il trio è stato bloccato dal club il fatto che li abbia dato a loro la licenza per giocare con tanta libertà.
Quando Mertens è arrivato dal PSV Eindhoven nel 2013, aveva 26 anni. È abbastanza giusto essere finalmente passati dall’Eredivisie a una lega di maggior successo. Ed è evidente che Mertens è stato una candela tremolante nei suoi primi anni, ma ora è una fiamma completa che non si spegnerà.

Il belga è arrivato come ala, ma dopo l’infortunio a lungo termine di Arkadiusz Milik, Maurizio Sarri ha deciso far giocare Mertens a centro. Allo stesso modo, Louis van Gaal ha interpretato Arjen Robben come centravanti contro la Spagna, e tutti hanno visto gli effetti che ha avuto su una vecchia difesa.
Mertens è passato da  essere un giocatore marginale per lo più utilizzato per i finali di partita, ad un giocatore che richiede rispetto da ogni difesa contro cui gioca, perché sanno che gli basta una possibilità per mettere la palla in rete .

E ‘stata una ascesa meteorica per il belga, che dimostra gratitudine a chi lo ha permesso di conseguenza  rimane con il Napoli quando, probabilmente, i club più grandi aspettano un suo cenno per comprarlo .

Callejon si trovò in una posizione simile quando arrivò a Napoli durante la stessa estate. Dopo essere stato acquistato dal Real Madrid dall’Espanyol, èstato scelto da un lato quando non sono riusciva a concretizzare  il suo potenziale e, alla fine, è stato venduto al Napoli.

Tuttavia, con il duro lavoro e la grande determinazione, Callejon è rinato alla sua forma di migliore  sta giocando sfruttando tutto il suo potenziale. La sua sintonia con i suoi compagni di squadra è deliziosa, così come la sua consapevolezza spaziale e la sua capacità di correre colla palla. Fornisce una grande ampiezza al gioco del Napoli, che offre a Mertens e Insigne opzioni per creare spazio all’interno dell’ area.
Insigne è di Frattamaggiore, una città a 20 minuti dal cuore pulsante di Napoli. Non c’è da meravigliarsi se sono stato amato dagli ultras hardcore del Napoli, perché è cresciuto amando il club e sognando di giocare per il club che ho sostenuto.

La specialità del partenopeo è quella di tagliare dentro col suo piede destro spedendo  la palla nella parte posteriore della rete. Contro lo Shakhtar Donetsk in Champions League, Insigne ha fatto proprio questo mentre  siglando una vittoria per 3-0 sugli ucraini. Fu uno prestazione splendida, e quello che ci voleva per l’Italia aveva bisogno contro la Svezia, il che rese ancora più sconcertante il motivo per cui Gian Piero Ventura lo lasciò in panchina.

confronto
Ci sono altri triumvirati che importanti  nel mondo del calcio, mentre alcuni, che erano ai vertici del loro gioco, come il Real Madrid, sono caduti a pezzi a causa d’ infortunio di Bale.

La BBC ha avuto un’enorme influenza qualche anno fa, ma ora, con l’avanzare dell’età, è più suscettibile agli infortuni e alle enormi cadute di forma. Sia Bale che Ronaldo sono rimasti in panchina, mentre la forma di Benzema è uscita dalla finestra. Il francese ha fatto un’incredibile quantità di lavoro disinteressato per il Real Madrid, e in particolare per Ronaldo, ma il suo momento si concluderà sicuramente con l’arrivo dei Los Blancos, forse, Harry Kane.

Profonda comprensione
Un trio non dovrebbe essere giudicato solo sulle loro statistiche, ma anche sul loro gioco di scambi. Quando guardi il Napoli, puoi vedere che c’è chiaramente una comprensione più profonda di questi tre giocatori rispetto ad altri terzetti in Europa.

Quando Mertens, che è un centravanti non ortodosso, corre dietro e allunga la difesa dell’avversari, permette a Insigne di muoversi all’interno e assumere più di un ruolo numero 10. Raramente l’italiano va’ sulla linea laterale e tiene la larghezza. Questo cosa la fa’  Callejon, che resterà sul lato destro per puntare la rete d’avversario e coreare i maggiori problemi alla difesa .
Gli attaccanti del Napoli giocano come con naturalezza .velocità e gioia  . Le relazioni si costruiscono nel tempo, ma nell’ultimo anno col passaggio di Mertens a centravanti, le cose si sono appena concluse meravigliosamente bene.

Questo famoso trio ha portato il Napoli al vertice della classifica, ma ora è in procinto di sostenere i propri sforzi e di continuare lo slancio fino a maggio. C’è ancora così tanto nella stagione da giocare, ma il Napoli ha le migliori possibilità di vincere lo scudetto dai tempi di Maradona.

Con Insigne, Mertens e Callejon pronti a colpire, i tifosi del Napoli possono essere sicuri che il club napoletano sta per raggiungiere il traguardo del campionato in 28 anni.

https://www.sportskeeda.com/football/are-lorenzo-insigne-dries-mertens-and-jos-callejon-the-best-attacking-three-in-europe